Dentizione

I denti da latte detti detti decidui (prima dentizione) sono 20 di cui 10 a livello dell’arcata inferiore e 10 su quella inferiore.

Nei bambini l’età di eruzione dentaria (crescita dei denti da latte) è molto variabile. Generalmente il primo dentino si vede spuntare al 6°mese (incisivo centrale inferiore) e di solito la dentizione da latte (prima dentizione) si completa a 2 anni.

Eruzione dentaria dei denti da latte (denti decidui):

  • tra il 6° e il 9° mese compaiono gli → 2  incisivi mediali o centrali inferiori
  • tra il 8° e il 10° mese compaiono gli →  2 incisivi mediali centrali superiori
  • tra il 8° e il 10° mese compaiono gli → 2  incisivi laterali superiori
  • tra il 15° e il 21° mese compaiono gli →  2 incisivi laterali inferiori
  • tra il 15° e il 21° mese compaiono i →  4 primi molari
  • tra il 15° e il 21° mese compaiono i →  2 canini inferiori
  • tra il 16° e il 20° mese compaiono i →  2 canini superiori
  • tra il 20° e il 24° mese compaiono i →  4 secondi molari

La seconda dentizione (denti permanenti) inizia con la caduta dei denti da latte,tra il 6° e il 9° anno.

 

Durante l’eruzione dei denti da latte si possono verificare:

  • infiammazione, gonfiore, arrossamento e dolore gengivale
  • aumento della salivazione e in alcuni casi anche della secrezione nasale
  • pianto, agitazione, irrequietezza, sonno disturbato con frequenti risvegli notturni
  • in alcuni casi febbricola, diarrea e inappetenza

Durante tale fase generalmente il bambino è irritato, agitato, sbava e ha voglia di rosicchiare per cui è utile dare al piccolo un anello da dentizione (si consiglia di tenerlo in frigorifero al fine di mantenerlo fresco), se invece optate per altro come ad esempio una crosta di pane è bene vigilare accanto a lui per evitare il pericolo di soffocamento.

Consigli utili

Cosa fare:

  • anello da dentizione o giocattoli specifici per la dentizione alcuni dei quali contengono al loro interno un liquido refrigerante
  • gel gengivali lenitivi senza zuccheri (es. a base di aloe)
  • massaggiare le gengive con una garza sterile imbevuta di acqua fredda
  • rimedi omeopatici a base di: belladonna, chamomilla vulgaris e ferrum phosphoricum oppure l’erba gatta, timo o calendula
  • in caso di dolore intenso si può somministrare, dopo consulto medico, paracetamolo
  • in considerazione dell’intensa salivazione e quindi perdita di liquidi, si consiglia di garantire una buona idratazione proponendogli acqua

Cosa non fare

  • non date al vostro piccolo: zucchero, miele, biscotti, caramelle, merendine o altri alimenti dolci in quanto essendo cariogeni (i batteri che causano la carie si cibano di zucchero) rappresentano il nemico numero uno dei denti. Per quanto concerne l’insorgenza della carie è molto importante la durata della permanenza dell’alimento cariogeno sui denti, ecco perchè dopo ogni pasto è indicato lavare i denti al fine di limitare il più possibile la durata del contatto tra gli zuccheri e il dente. E’ buona regolare ricordarsi che più dolci mangiano i vostri bambini più aumenta la probabilità di sviluppare carie dentale.

Comments

comments

Lascia una risposta