I biscotti pan di zenzero

Oltre alle decorazioni dell’albero e la lista dei regali della letterina di Babbo Natale, ecco un’idea molto natalizia per trascorrere del tempo insieme ai vostri bambini, impastare, infornare, sporcarsi le manine e parlare della storia dello spericolatissimo Gingerman!

Gingerman era un bel biscottino dorato , preparato con cura da un’anziana signora che nella sua vita non era riuscita ad avere bambini. Non appena uscito dal forno, il furbissimo Gingerman scappò via in tutta fretta….non voleva essere mangiato da una vecchia.  Il poverino cominciò a correre in fuga verso la salvezza, riuscendo ad evitare notevoli pericoli, tanti animali che lo volevano divorare : la mucca, il cavallo, il maialino. Ma Gingerman era velocissimo e con quei muscoli di zenzero nelle gambe, era riuscito a evitare il peggio fino a che non incontrò la scaltrissima volpe che si offerse di aiutarlo ad attraversare un fiume, ma poi nel bel mezzo del cammino, mangiò tutto il biscottino speziato.

Ma noi mamme siamo abilissime con la fantasia e inventiamo sempre nuovi incontri tra Gingerman e chicchessia e cambiamo sempre il finale, a seconda del tempo!

I biscotti in foto sono stati fatti con:

Zenzero in polvere 5 g
Farina 00 350 g
Chiodi di garofano macinati
1 pizzicoNoce moscata
1 pizzicoCannella in polvere 5 g
Bicarbonato ¼ cucchiaino
Zucchero 160 g
Burro freddo di frigo fatto a pezzetti150 g
Uova 1
Sale fino 1 pizzico
Miele 50 g oppure di sciroppo d’acero (Esselunga lo vende ad esempio)

Con il mixer è facilissimo: mettete tutti gli ingredienti della lista (tranne l’uovo) e mescolate a intermittenza per non scaldare l’impasto. Disporre tutto a fontana, aggungere l’uovo e impastare con le mani. Lasciare riposare in frigo per mezz’oretta e poi stendere la pasta e creare con lo stampino il vostro Gingerman! cuocere per 8-10 minuti a 180 gradi in forno ventilato.

Per una versione adulta, vi consigliamo di mangiare i biscotti pan di zenzero con un bel bicchiere di vin brullè. Aaaahhhhh che bontà!

Buon Natale!

 

Comments

comments

Lascia una risposta