La vita a 3, cioè tu Mamma con due figli

mammaduebambiniGià a partire dalla gravidanza, ci sono differenze assolute con quella del primo figlio. La maternità è un
idillio che non si ripeterà mai più, ma non lo sappiamo! Riposini al pomeriggio, mattine passate a letto se ci si sente stanche, maritino super disponibile ad assecondare le nostre voglie e capricci.

La seconda gravidanza non prevede niente di tutto ciò. C’è un altro cucciolo per la casa che vuole essere coccolato, seguito e intrattenuto con tutta l’energia di cui disponiamo. Finite le belle giornate di riposo, fantasticando come sarebbe stato fare la mamma.

Le coccole e le attenzioni per il secondo figlio sono limitate dall’occhio guardingo del primo che, anche se non sa ancora leggere l’orologio, ha un cronometro che funziona benissimo e prende nota di tutti i secondi che la mamma spende con il nuovo arrivato!

Se la differenza tra i due è maggiore di 3 anni, allora vorrà dire che il primo è alla materna, mentre il bebè è a casa con mamma fino alle 4 del pomeriggio. In caso contrario, la vita in 3 a casa, mentre babbo è al lavoro, può essere difficile.

Allattare davanti al primogenito non è sempre una passeggiata. Per lui, tutto questo tempo passato in braccio alla mamma, è difficile da tollerare.

Fare il bagnetto: alle volte non c’è altra soluzione che metterli in vasca tutti e due, sperando che un innocente calcetto ben mirato non arrivi a destinazione.

La pappa: se prima i cibi solidi erano ormai assodati da tempo, non è detto che alla vista di poppate e biberon, il primo non voglia fare qualche revival.

La nanna: mettetevi il cuore in pace e compratevi un letto super king size. Il lettone diventerà un posto super affollato, Se il grande dormiva tranquillo e indisturbato nel suo lettino, alla vista del neonato, sempre in braccio a mamma anche nelle ore notturne, avrà un ritorno di fiamma per le coperte e il calduccio del lettone.

Il parco: prima correvi dietro al primo, lo spingevi sull’altalena, lo guardavi che non si facesse male mentre scivolava o che non mangiasse pietre e mozziconi di sigaretta. Adesso lo guardi da una panchina mentre hai il tuo secondo in braccio che strilla per via di quella colichetta….

Ma come facevano una volta tutte le famiglie numerose?

La consolazione è sicuramente il parto – o no? Il secondo è di solito più veloce e meno traumatico.

Comments

comments

Lascia una risposta