L’ombellico del mondo

Sicuramente l’ombellico ha il suo fascino. Lo adorniamo con piercing e gioielli, lo consideriamo sexy se si nasconde dietro una maglietta troppo corta e lo notiamo in spiaggia. Ma l’ombellico ha un significato profondo, ci ricords l’attaccamento a nostra madre e il fatto che per un periodo di tempo, siamo stati dipendenti da lei.

Infatti l’ombellico è la cicatrice di un cordone che ci ha nutrito durante la gravidanza.  Composto da due arterie e una vena, il cordone ombellicale ha permesso lo scambio di nutrienti con il sangue materno, permettendo al piccolo feto di crescere e prepararsi alla nascita. Al suo interno, il cordone ombellicale è anche provvisto di un gel che possa proteggere i vasi che scorrono lungo di esso, da strozzamenti, dovuti ai movimenti del piccolo nascituro.

Al momento della nascita, contrariamente a quanto succedeva in passato, prima di reciderlo, si attende….si attende che smetta di pulsare e si aspetta il vero e primo respiro! che emozione! i polmoni che erano pieni di liquido, si riempiono per la prima volta di aria. F. Leboyer sosteneva che questo primo respiro dà una sensazione di grande bruciore. Ed ecco infatti arrivare il pianto!

Il cordone ombellicale, detto anche funicolo, non contiene terminazioni nervose, e per questo motivo il taglio non è doloroso nè per la madre nè per il bambino. Una volta reciso, la parte esterna del cordone cade nel giro di pochi giorni. La ferita va curata da mamma e papà con attenzione e si consiglia di consultare subito il pediatra nel caso in cui si presentino sanguinamento o suppurazione.

 

 

 

 

Comments

comments

Lascia una risposta