Sessualità dopo il parto

 

coppiaDopo il parto è normale chiedersi quando la vita sessuale riprenderà ad essere come prima.  A volte, a pochi giorni dal parto e in preda alla stanchezza, ci si chiede se tutto tornerà mai come prima.

La risposta è sì, con amore e pazienza da parte della coppia, tutto tornerà alla normalità e la vita in famiglia sarà ancora più completa e piena d’amore.

Chiaramente ogni donna è diversa, non ci sono regole ne’ tanto meno scadenze per il ritorno della libido.

I fattori di cambiamento nella vita sessuale dopo il parto possono includere problemi fisici come un’alterazione del pavimento pelvico, e psicologici come la depressione post-partum.

I disturbi sessuali più comuni che si possono presentare  sono: dolore durante la penetrazione, mancanza della libido, perdita della tonicità della muscolatura pelvica, orgasmo difficile da raggiungere, irritazione dopo il rapporto sessuale e altri.

I cambiamenti riguardo al desiderio sessuale si possono avvertire già nel primo trimestre di gravidanza. Variano da donna a donna, per alcune il desiderio aumenta, mentre per altre avviene un calo. In questi primi mesi può entrare in gioco anche la paura di mettere a rischio la gravidanza. Inoltre sia la nausea che la stanchezza contribuiscono ad una diminuzione nella frequenza dei rapporti. Nel secondo trimestre, per la gioia dei compagni, normalmente il desiderio ritorna. Già durante il terzo trimestre, anche se non accade a tutte, a causa della pancia sempre più grande, della stanchezza che aumenta e di altri fattori, la voglia di rapporti intimi cala ancora.

Quando esattamente si è pronte per ricominciare?

Dopo il parto bisognerebbe attendere 30-40 giorni. In questo modo, probabilmente saranno guarite le piccole lacerazioni, l’episiotomia e il taglio cesareo. In questo periodo dovrebbero cessare anche le perdite ematiche (lochiazioni).  E’ sempre utile fare una visita dal proprio ginecologo per i classici controlli.

Riprendendo la vita sessuale è importante valutare un metodo contraccettivo. E’ possibile rimanere incinta anche se non si ha ancora il ciclo e si sta allattando.

Quando torna il desiderio?

Durante le prime settimane, o mesi, è assolutamente normale non provare il desiderio di avere rapporti intimi col proprio compagno. Oltre alla stanchezza e i nuovi ritmi della vita di mamma, se si allatta, anche la prolattina (ormone che da il via alla produzione del latte) potrebbe contribuire a distogliere l’attenzione della neo madre dal sesso.

Chiaramente in presenza del baby blues o della depressione post-partum, l’ultimo dei pensieri di una mamma è quello dell’atto sessuale, in queste condizioni è fondamentale consultare il proprio medico.

Nonostante sia un periodo meno intimo dal punto di vista sessuale, quando possibile, è utile avere un rapporto di complicità, amore e serenità per mantenere l’equilibrio nella coppia e rimanere uniti.

3 consigli per una ripresa progressiva e salutare:

 

  1. dare tempo al tempo, il corpo della donna, durante la gravidanza e il parto, ha subito molte modifiche e adattamenti, ciò significa che ha bisogno di tempo e pazienza per tornare come prima. E’ importante ricordarsi che ogni organismo reagisce in modo diverso e paragonarsi ad altre mamme può essere controproducente. È utile invece cercare di rimanere serena ed apprezzare il fatto che ci è stata regalata una nuova vita e questo di per sé è un motivo di grande gioia.
  2. Parlare: in questa fase della propria vita, le donne possono facilmente essere stanche, irritate, poco disposte ed insicure, specialmente se si allatta a richiesta. Non è il caso di sentirsi in colpa per la mancanza del desiderio sessuale. Parlare chiaramente con il partner, riguardo ai propri stati d’animo, è fondamentale per il benessere della coppia e di se stessa.
  3. Ginnastica perineale, durante il parto il perineo viene messo a dura prova, è quindi utile, a seguito del consenso del medico, eseguire esercizi per il recupero di questa muscolatura. Inoltre esperti affermano che allenare questa zona aumenta il piacere sessuale.

 

 

 

 

Comments

comments

Lascia una risposta