8° settimana

8weekAlcune di voi potranno percepire lievi fitte addominali indotte dal cambiamento di posizione dell’utero nella cavità addominale in relazione con i legamenti o gli altri organi.

Differenti sono invece i segnali di una possibile minaccia d’aborto: il dolore al basso ventre è costante con intensità crescente o intermittente (indotto dalle contrazioni dell’utero) e spesso vi è associata un quantitativo variabile di perdite vaginali di sangue.
Lo spavento sarà molto forte ma prima di trarre qualsiasi conclusione, andate (meglio se accompagnate dal proprio compagno o da un parente) in pronto soccorso per un controllo medico specifico.

Purtroppo il 10% di tutte le gravidanze termina con un aborto spontaneo indotto da un’alterazione cromosomica dell’unione della cellula uovo dello spermatozoo; la maggiore frequenza dell’evento avviene tra 8° e la 12° settimana di gestazione.

Nel caso in cui il controllo vi abbia dato speranza, il riposo potrà essere di aiuto al proseguimento della gravidanza in atto.

Ora il vostro piccino è lungo circa 15-20 mm e nel suo petto avvengono molti cambiamenti: il cuore si suddivide in 4 cavità e si formano i rudimenti dei bronchi polmonari.

Gli arti crescono e sono visibili i primi abbozzi delle dita all’estremità degli arti.

Inoltre iniziano a essere presenti recettori tattili intorno alla bocca

L’udito ha inizio con la formazione e la crescita dell’orecchio interno, ma vede il suo maggiore sviluppo fino al quinto mese di gravidanza: i suoni provenienti dall’interno del tuo corpo (battito del cuore, movimenti respiratori e intestinali, la tua voce) e dall’ambiente esterno (voce del padre, musica , rumori vari) non agiscono solo sull’udito ma  anche sullo sviluppo del sistema nervoso sotto forma di vibrazioni che coinvolgono tutto il corpo del tuo cucciolo.

Con un suono rispetto ad un altro può reagire con un movimento di braccia o gambe, oppure di tutto il corpo, poi modificherà persino la velocità del battito del cuore e l’espressione del proprio volto.

Ma non solo: quando sarà nato e lo allatterai o lo appoggerai delicatamente sul tuo petto, ascoltando il rumore del tuo battito cardiaco, troverà serenità e appagamento, ricordando la sua vita intra-uterina.

Se gli canti una dolce ninna nanna in gravidanza e poi la ripeterai alla nascita, si ricorderà.

Lascia una risposta